Collaborazioni

  • APG: Associazione di Psicoterapia di Gruppo

  • COIRAG: Confederazione delle Organizzazioni Italiane per la Ricerca Analitica sui Gruppi

  • Dal 2012 Dirigo la Sede di Milano della Scuola di Psicoterapia della COIRAG, con l’incarico di organizzare la didattica e la formazione degli Psicoterapeuti Individuali e di Gruppo ad orientamento Psicoanalitico

Dott. Guido Pozzo-Balbi → Mi Presento

Psicologo Psicanalista a Tezzo sull'Adda

Sono uno Psicologo e Psicoterapeuta ad orientamento psicoanalitico. Mi occupo di adulti, gruppi, coppie e adolescenti attraverso percorsi di consulenza psicologica e definizione di progetti di psicoterapia, sia individuali che di gruppo.

La caratteristica principale della psicoterapia psicoanalitica è di focalizzarsi, a partire dal sintomo o dal problema, sull’intera personalità del paziente, dagli aspetti più espliciti fino a quelli più profondi ed inconsci , resi evidenti dai sogni, dai lapsus, dai nostri modi spontanei di entrare in relazione.

L’obiettivo di superare il sintomo o il problema viene ottenuto mediante un percorso di ricerca della ragioni del malessere, di sviluppo personale e di mobilitazione di nuove risorse, attraverso l’esperienza di una relazione caratterizzata da costante attenzione, ascolto e confronto.

L’intervento psicologico trova la sua utilità in molte situazioni: un disagio personale, un problema di coppia, una difficoltà relativa all’essere figlio o genitore, a particolari patologie organiche, o a momenti di passaggio particolarmente critici della propria vita (separazioni, lutti, trasformazioni del nucleo familiare).


Quali sono i possibili esiti di una psicoterapia ad orientamento psicoanalitico?

  • Essere capaci di avere rapporti umani più soddisfacenti e profondi
  • Utilizzare in modo più efficace i propri talenti e le proprie capacità
  • Mantenere un senso di autostima realistico
  • Saper tollerare una gamma più ampia di affetti
  • Vivere esperienze sessuali più soddisfacenti
  • Ottenere una comprensione di se stessi e degli altri più intuitiva e complessa
  • Fronteggiare le sfide della vita con maggior libertà e flessibilità

L’efficacia della psicoterapia è scientificamente provata?

Si, senza dubbio. Moltissime ricerche comparative indicano la presenza di un effetto terapeutico misurabile, a confronto con persone che non hanno usufruito di un trattamento psicoterapeutico.

La psicoterapia si può fare se si assumono psicofarmaci?

In generale non c’è alcuna controindicazione all’assunzione di farmaci, anzi in molte patologie, come ad esempio la depressione, l’associazione farmaci e psicoterapia è il trattamento elettivo e con maggiori probabilità di successo. In alcuni momenti della psicoterapia, quando la sofferenza, l’ansia o l’agitazione sono troppo forti, può essere necessario un aiuto farmacologico che consenta di ritrovare la capacità di pensare ed essere presenti mentalmente.

Che differenza c’è tra psicoterapia individuale e di gruppo?

I due approcci consentono di superare problematiche simili, ma attraverso percorsi diversi. Nella psicoterapia individuale la relazione con il terapeuta è fondamentale, così come la capacità di esplorare i propri vissuti attraverso i sogni, la rielaborazione delle esperienze, la narrazione. Nella psicoterapia di gruppo è possibile scoprire, ascoltando gli altri partecipanti parlare delle proprie difficoltà, che la propria sofferenza è condivisa e può essere comprensibile, e trovare rassicurazione nella possibilità di nuove soluzioni.

La Psicoterapia psicoanalitica è sempre e necessariamente una cura di lunga durata?

Dipende dagli obiettivi che la persona che cerca una cura si sta ponendo. Un percorso che consenta di riprendere in mano la propria vita, in situazioni caratterizzate da una sofferenza che arriva da lontano, richiede un certo tempo per giungere all’individuazione dei nodi profondi che bloccano lo sviluppo. Situazioni caratterizzate da problematiche di breve periodo ben circoscritte possono essere risolte in tempi relativamente rapidi.


A cosa serve la psicoterapia di coppia?

L’esigenza di uno spazio di confronto di coppia può nascere da molteplici necessità:

  • aspetti del carattere dei partner che determinano incomprensioni e difficoltà di comunicazione
  • nascita di nuovi bisogni e desideri che sembrano non trovare spazio nella vita insieme
  • problematiche che stanno minando profondamente la fiducia e il valore del legame
  • avvenimenti che mettono in crisi la stabilità della relazione

Quando non si riesce più a parlare, e il dialogo si incista in scontri ripetitivi e irrigidimenti sulle rispettive posizioni, allora può essere necessario uno spazio dedicato a riattivare lo scambio comunicativo.

La psicoterapia di coppia è un luogo in cui apprendere a prendersi cura della relazione amorosa, cercando di riattivare, o scoprire per la prima volta, quel patrimonio di fiducia, desiderio, affetto e rispetto che possono rigenerare il rapporto.

È il luogo in cui si può tentare una riparazione degli aspetti personali feriti  e resi sofferenti da relazioni ormai irrigidite in ruoli ripetitivi, o verificare la disponibilità a superare fatti o eventi che hanno leso la fiducia e la disponibilità reciproca.

Durante questo percorso ognuno viene invitato ad assumersi le proprie responsabilità riguardo a “come sono andate le cose”, al di là ed oltre a facili e sterili colpevolizzazioni, nel tentativo di costruire un ambiente in cui sia possibile un confronto onesto e sincero.

L’obiettivo può essere verificare fino in fondo la possibilità di una rinascita del desiderio di stare insieme, sulla base del valore dell’assunzione di responsabilità condivise, dell’impegno profuso nella realizzazione di un progetto comune, o semplicemente della volontà di non gettare via il tempo e le energie spese senza aver sperimentato concretamente la possibilità di un nuovo inizio.

E se anche la terapia dovesse evidenziare la necessità di una conclusione della storia della coppia, l’aver affrontato un percorso di chiarimento che aiuti ognuno a riconoscersi “parte in causa”, può aiutare a separarsi riducendo al minimo quelle emozioni distruttive che trasformano una separazione in una lacerazione conflittuale, carica di rabbia e del bisogno di rivalersi eternamente per i torti subiti e le sofferenze patite.

Se non può essere un nuovo inizio per la coppia, che sia un nuovo inizio per ognuno dei due.

Come crescere insieme nel rapporto di coppia?



Ambiti di Intervento

  • Disturbi d’ansia, fobie, attacchi di panico, sindromi ossessive, disturbi di personalità e stati depressivi
  • Situazioni di crisi e sofferenza legati a diverse fasi della vita: separazione, lutti, pensionamento, ecc.
  • Problemi di coppia
  • Conflittualità familiari
  • Problemi legati all’autostima e a situazioni personali e professionali di particolare stress
  • Problemi sessuali individuali e di coppia in assenza di patologie organiche
  • Disagi psicologici correlati a patologie organiche
  • Disagi nell’area adolescenziale: problematiche relative alla propria identità, al proprio progetto di vita, disagi rispetto al proprio corpo, conflittualità con i genitori


Dott. Guido Pozzo Balbi | Via Santa Marta 26 | 20056 - Trezzo sull’Adda (MI)
E-mail:
g.pozzobalbi@libero.it | privacy


Dott. Guido Pozzo Balbi: iscritto all'Ordine degli Psicologi della regione Lombardia n. 6086 del 07/03/2001
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Guido Pozzo Balbi.
Ultima modifica: 19/03/2015